La primavera in cucina

La primavera in cucina

da -
0 288

La primavera è arrivata finalmente! Anche la cucina si veste di nuovi colori, e lo fa con una ventata di freschezza che travolge ogni suo angolo. Dal bianco – osannato dalla bibbia della moda francese Elle – all’arancione, dal perla al rosso rubino, fino al giallo-oro e al blu clay. Che sia pastello o brillante, la stagione che segna il risveglio dei sensi passa anche per il gusto dove il Made in Italy si fonde al resto del mondo.

InsinkeratorPartiamo subito con il rubinetto, il centro nevralgico dell’ambiente cucina con una novità ideata oltreoceano ma realizzata in Italia. Si tratta del 3N1 Colored, l’erogatore ipertecnologico di InSinkErator, la multinazionale statunitense che ha inventato il dissipatore, che è in grado di offrire acqua bollente a 98° in pochi istanti. Arancione brillante, bianco perla, antracite e pietra naturale, ecco alcune delle cromie disponibili che non solo rallegrano il cuore della casa, ma rispettano l’ambiente. Il rubinetto, frutto dell’ingegneria americana e del savoir faire dell’azienda piemontese Guglielmi, da sempre un’eccellenza nel settore, permette non solo di risparmiare tempo ma anche di evitare quegli inutili sprechi di acqua che contraddistinguono la preparazione dei piatti o la loro pulizia.

Cucina

 




Le tonalità si accendono ulteriormente con il sistema Haller di Usm, l’azienda svizzera ormai icona per i suoi sistemi modulari che ben si adattano agli ambienti cucina. Elegante e funzionale, il mobile-credenza rosso rubino è una sferzata di energia e in combinazione al tavolo giallo oro diventano un vero arcobaleno di superfici. L’allegria cromatica si sposa all’eccellenza dei materiali che da sempre caratterizzano il marchio che garantisce prodotti destinati a durare nel tempo.

Primavera
Colori accesi – certo! – ma anche bianco con il quale non si sbaglia mai e che ha il potere di ampliare gli spazi. A questo forse pensava SieMatic, la storica azienda tedesca celebre per l’eccellenza delle proprie cucine, quando ha dato vita al progetto SieMatic29, una cucina-buffet di un bianco che illumina. Premiato con il German Design Award, questo gioiello è la sorprendente e versatile reinterpretazione della cucina buffet tradizionale, con cui l’azienda di Loehne, in Westfalia, ha ottenuto i primi successi dopo la sua fondazione proprio nel 1929. Una cucina “solitaria” sviluppata in collaborazione con KInzo, un giovane team di designer di Berlino e che si combina con un’altra linea, la BeauxArt 0.2, anch’essa disponibile nella versione bianca, frutto della genialità di Mick de Giulio, “la rock star del kitchen interior design”, come lo definiscono negli States.

ARTICOLI SIMILI

0 146

0 201

NESSUN COMMENTO

Commenta: